Mese: Dicembre 2020

Mauritania

Mauritania Il paese del deserto MAURITANIA, Africa nord-occidentale. Un Paese al 70% ricoperto dal Sahara di sabbia fine color dell’alba. Una terra che segna il confine tra mondo arabo e Africa nera, abitata in buona parte da berberi seminomadi. Un Paese musulmano, povero e scarsamente visitato dagli stranieri a causa dell’instabilità politica della regione. Un luogo di grandi spazi e grandi silenzi, dove gli uomini sono vestiti di blu e i veli delle donne danzano colorati nel vento. Da attraversare a dorso di cammello o in jeep. Mentre scorri la gallery, ascolta l’intervista in radio del viaggio “Mauritania, due donne e un deserto” L’oasi di Terjit Chinguetti: una città antica in cui sono custoditi antichi manoscritti Da Chinguetti a Ouadane: un …

Mauritania Leggi tutto »

Le piroghe del Senegal

Le piroghe del Senegal Kayar e Saint Louis (Senegal) Le piroghe del Senegal sono arte e colore. Sono fantasie di giallo, azzurro, verde, nero e rosso. Colori che formano composizioni astratte, geometrie che si intersecano, sagome che paiono punte di frecce. Alcune hanno le fiancate dipinte con fiori, stelle e uccellini; ci sono cuori, scritte e cerchi che paiono occhi. Qua e là spuntano dei ritratti e delle lettere, forse l’iniziale del proprietario; molte hanno bandiera nazionale sulla punta: giallo, verde e rosso. Il Senegal è il Paese dei colori: quelli dei tessuti delle donne, così belle che paiono tutte regine; delle piramidi di frutta e di verdura sui banchi dei mercati e delle collane di pasta di vetro dipinte. …

Le piroghe del Senegal Leggi tutto »

Uzbekistan

Uzbekistan Cupole, minareti, mura di fango e mercati UZBEKISTAN, Asia Centrale. Ex Repubblica sovietica, indipendente dal 1991.  Ci sono arrivata via terra, in treno, dal confinante Kirghizstan e ho continuato, in autobus, taxi collettivi, autostop, con la mia macchina fotografica sulla Via della Seta. Dallo splendore di Samarcanda e Bukhara, al pane tondo e decorato dei mercati, dalle immagini da cover turistica ai dettagli minimi di stelle rosse dimenticate, vi accompagno nell’Uzbekistan col taglio dei mie occhi. Buona visione. Tashkent, la capitale Khiva, un’oasi di fango Samarcanda Bukhara, cupole al tramonto Condividi su facebook condividi Condividi su twitter condividi Condividi su telegram condividi Condividi su whatsapp condividi

Traversine trek

Traversine trek Ella e dintorni (Sri Lanka) Camminare lungo i binari dei treni? In Sri Lanka è naturale come avere un albero di mango in giardino. Lo fanno tutti, come se le strade ferrate fossero per le carrozze e per chi va a piedi in ugual misura.  Succede soprattutto nella zona centro-meridionale dell’isola, nei pressi della cittadina di Ella: lì, lungo le traversine si incontrano ragazzi con divisa e cartella che vanno a scuola, monaci vestiti di arancione, contadini che portano le mucche al pascolo e ragazze dirette al mercato o a trovare amiche che vivono nella giungla. A lato dei binari crescono alberi di banane e piante mediche e di tanto in tanto c’è un ristorante: proprio così, c’è …

Traversine trek Leggi tutto »

Torna su